L’attuale Palazzo del Comune, o Municipio, è stato costruito nel 1719. Prima ne esisteva uno molto più antico, che venne distrutto nel 1412 durante una delle tante guerre che flagellarono il nostro centro. Secondo gli storici locali, per oltre 300 anni il nostro borgo rimase così senza un vero e proprio “palazzo comunale”, e quindi le incombenze amministrative venivano svolte presso edifici privati.

Tornando alla struttura attuale, si può osservare che, a parte la costruzione del cornicione, effettuata per conferire maggiore snellezza al fabbricato e dare un adeguato spazio all’orologio, la facciata è rimasta pressoché uguale a quella settecentesca. Nel 1841 il palazzo venne ampliato e in tale occasione furono realizzati altri due archi (che passarono così ai cinque attuali).

Negli anni Trenta venne costruito il balcone in corrispondenza dell’ufficio del sindaco, mentre nel 1957 il Palazzo venne ingrandito sul retro, occupando l’intero spazio di una viuzza che si chiamava “Via dei macelli”. Dietro al Municipio, infatti, operarono fino ai 1862 i “macelli pubblici”, poi trasferiti al di fuori dell’abitato.